TRASMISSIONE TELEMATICA CORRISPETTIVI

facebook
stampa invia

Nessuna sanzione per 6 mesi in assenza di registratore telematico

Giugno 2019

Nessuna sanzione per 6 mesi in assenza di registratore telematico L'Agenzia delle entrate, con la circolare n. 15 del 29 giugno 2019, ha fornito gli attesi chiarimenti sulla inapplicabilità delle sanzioni in sede di avvio dell'obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi, dopo la modifica normativa inserita nell'articolo 12-quinques in sede di conversione del decreto legge n. 34/2019 (decreto legge “crescita”, convertito in legge n. 58 del 28 giugno 2019 e pubblicato nel S.O. n. 26/L alla G.U. n. 151 del 29 giugno 2019).

Innanzitutto la disposizione ha introdotto a regime un maggior arco temporale (12 giorni) entro cui i dati relativi ai corrispettivi giornalieri sono trasmessi telematicamente all'Agenzia delle entrate, fermo restando l'obbligo di memorizzazione giornaliera dei dati relativi ai corrispettivi e i termini di liquidazione dell'IVA.
Inoltre, ha previsto una “moratoria dalle sanzioni” nel primo semestre di vigenza dell'obbligo (quindi, fino al 31 dicembre 2019 per i soggetti tenuti all'avvio dal 1° luglio 2019; fino al 30 giugno 2020 per i soggetti tenuti all'avvio dal 1° gennaio 2020).

In particolare:
a) i soggetti che alla data del 1° luglio 2019 (o 1° gennaio 2020) non hanno la disponibilità di un Registratore Telematico (RT) devono:
• continuare a certificare i corrispettivi mediante scontrini o ricevute fiscali fino alla messa in uso del Registratore Telematico e comunque per un periodo non superiore ai sei mesi;
• annotare i dati dei corrispettivi nel registro dei corrispettivi (ex art. 24 DPR 633/72);
• trasmettere i dati relativi ai corrispettivi giornalieri entro la fine del mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione (con le modalità che saranno stabilite con apposito provvedimento direttoriale);
• liquidare l'IVA del periodo nei termini ordinari.

b) I soggetti che alla data del 1° luglio 2019 (o 1° gennaio 2020) hanno tempestivamente “messo in servizio” il Registratore Telematico:
• devono memorizzare il corrispettivo mediante il RT e rilasciare il documento commerciale;
• possono trasmettere i dati relativi ai corrispettivi giornalieri entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione;
• liquidano l'IVA del periodo nei termini ordinari.
Infine, si fa presente che l'Agenzia delle entrate ha attivato la procedura web gratuita per la memorizzazione e trasmissione dei dati dei corrispettivi, accessibile all'interno dell'area riservata del portale Fatture e Corrispettivi.

Viene inoltre precisato che:
• il nuovo servizio è attivo all'interno dell'area riservata del portale Fatture e Corrispettivi;
• potrà essere utilizzato, oltre che da pc, anche tramite tablet e smartphone poiché la visualizzazione si adatta automaticamente al dispositivo in uso;
• con la procedura web, i soggetti interessati potranno predisporre online il documento commerciale e allo stesso tempo memorizzare e inviare all'Agenzia delle Entrate i dati dei corrispettivi di ogni singola operazione effettuata.

Per accedere al sistema è possibile utilizzare le credenziali Spid (Sistema pubblico di identità digitale), dei servizi telematici Entratel e Fisconline o la Carta Nazionale dei Servizi (Cns). Una volta entrato, l'operatore Iva che effettua la cessione o prestazione dovrà verificare i suoi dati già precompilati e inserire i dati relativi all'operazione effettuata (quantità, descrizione, prezzo unitario e aliquota Iva) e la modalità di pagamento (denaro contante o elettronico).
Il documento commerciale potrà, quindi, essere stampato e consegnato al cliente su carta oppure, se quest'ultimo è d'accordo, inviato via email o con altra modalità elettronica.
Gli utenti potranno ricercare e visualizzare i documenti commerciali mediante una specifica funzionalità online messa a disposizione all'interno del portale Fatture e Corrispettivi.
_________________________________________________________________________________
Novità nel Portale Fatture e Corrispettivi dell'Agenzia delle entrate che aggiornano alcune funzionalità in materia di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi.
Innanzitutto, è stata velocizzata la procedura per l'attivazione e la messa in servizio del Registratore Telematico: dall'11 giugno è possibile effettuare l'attivazione e la messa in servizio dei RT indipendentemente dal preventivo accesso e accreditamento a sistema dell'esercente (risoluzione n. 62/E del 26 giugno 2019). Tale accreditamento rimane necessario in un momento successivo a quello della installazione, per la generazione del QR-code da applicare in apposito alloggiamento del RT al momento della sua attivazione.
Inoltre, sono state aggiornate le specifiche tecniche (versione 8.0 del 28 giugno 2019) per la memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri che riportano le seguenti novità, rispetto alla versione precedente:

1. Dati corrispettivi Tessera Sanitaria (par. 2.1 specifiche tecniche)
L'art. 2, comma 6-quater, D.Lgs. 127/2015 ha previsto che i soggetti tenuti all'invio dei dati al sistema TS possono adempiere all'obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica attraverso la memorizzazione e trasmissione telematica di tutti i corrispettivi giornalieri (sanitari e non) al sistema TS. Mancando, ad oggi, i nuovi tracciati record che avrebbero consentito di trasmettere al sistema TS anche i dati “non sanitari”, è stato realizzato il percorso inverso: con le nuove specifiche tecniche, il RT può essere utilizzato anche per il colloquio con il sistema TS al fine di memorizzare e trasmettere i corrispettivi giornalieri. Il colloquio tra RT e sistema TS avviene con le medesime regole di accreditamento degli esercenti al portale Fatture e Corrispettivi, ma utilizzando una diversa configurazione dei dispositivi che devono comunque risultare censiti nell'area “Corrispettivi” del portale. I certificati “fabbricante” e “dispositivo” installati sul RT restano gli stessi, ma il colloquio con il sistema TS deve richiamare un apposito servizio esposto con l'indirizzo “https:// apid.sanita.finanze.it”
A tal fine i produttori devono predisporre una versione del firmware che gestisce la chiamata al nuovo servizio, dedicata esclusivamente agli operatori sanitari che già trasmettono al sistema TS i dati delle cessioni e prestazioni sanitarie, mantenendo invariato il tracciato XML da trasmettere e le regole di invio.

2. Procedure di emergenza (par. 2.8 specifiche tecniche)
Nel Portale web “Fatture e Corrispettivi” sono disponibili funzionalità che consentono di gestire alcune situazioni di emergenza nell'utilizzo dei RT. Tali funzionalità sono rese disponibili sia agli operatori che ai loro intermediari appositamente delegati e riguardano le seguenti situazioni:

• assenza di rete internet: se gli esercenti non riescono a trasmettere nei termini, il file XML sigillato dal dispositivo dopo la memorizzazione, può essere trasmesso mediante la funzione “assenza di rete” presente nella sezione “Area Gestore ed Esercente” del sistema Corrispettivi;
• dispositivo fuori servizio: se il RT non riesce a memorizzare i corrispettivi, in attesa dell'intervento del tecnico abilitato (da richiedere tempestivamente), l'esercente accede alla funzione tramite la voce di menù “Procedure di emergenza>Dispositivo fuori servizio” nella sezione “Area Gestore ed Esercente”;
• recupero trasmissioni scartate: la funzionalità permette il recupero di alcune trasmissioni scartate esclusivamente per determinate situazioni (data nel futuro sull'elemento DataOraRilevazione; assenza della matricola del punto cassa connesso al Server RT).

3. Documento commerciale on line (par. 2.9 specifiche tecniche)

Nell'aggiornamento delle specifiche tecniche è contenuto un paragrafo in cui sono descritte le modalità di accesso alla nuova funzionalità del portale “Fatture e Corrispettivi” da dove è possibile generare, confermare e stampare il documento commerciale. La nuova funzionalità permette, oltre che di predisporre online il documento commerciale, di memorizzare e inviare all'Agenzia delle Entrate i dati dei corrispettivi di ogni singola operazione effettuata in alternativa all'acquisizione di un RT.

______________________________________________________________________________________
ULTIMA NOVITA' 4 LUGLIO 2019

Con provvedimento prot. 236086/2019 del 4 luglio, l'Agenzia delle entrate ha definito le indicazioni per l'invio telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri nel periodo transitorio previsto dal Decreto crescita (D.L. n. 34/2019, convertito dalla legge n. 58/2019) per gli operatori che non hanno ancora la disponibilità di un registratore telematico e approva le specifiche tecniche per l'invio dei dati.
L'Agenzia metterà a disposizione tre servizi per l'invio telematico dei corrispettivi da parte degli operatori che, nei primi sei mesi dall'introduzione dell'obbligo, non abbiano la disponibilità di un registratore telematico:

un primo servizio web, all'interno dell'area riservata del portale Fatture e Corrispettivi, consentirà l'upload di un file con i dati dei corrispettivi complessivi di una singola giornata, distinti per aliquota Iva o senza distinzione tra imponibile e imposta (regime di ventilazione), oppure di un file compresso con i file dei dati dei corrispettivi delle singole giornate;
un secondo servizio, disponibile sempre online all'interno del portale Fatture e corrispettivi, consentirà in alternativa la compilazione dei dati dei corrispettivi complessivi giornalieri, sempre distinti per aliquota Iva o con l'indicazione del regime di ventilazione;
una terza soluzione consentirà l'invio dei dati dei corrispettivi giornalieri tramite protocollo https o sftp.

I dati dei corrispettivi giornalieri possono essere inviati, con i diversi servizi disponibili, direttamente dal contribuente o da un intermediario abilitato. In quest'ultimo caso, gli intermediari incaricati della trasmissione telematica rilasciano al contribuente copia della comunicazione trasmessa e della ricevuta, che ne attesta il ricevimento da parte dell'Agenzia delle Entrate e costituisce prova dell'avvenuta presentazione.

Copyright 2011 © Confartigianato Imprese Lecco  |  C.F. 83001360136  |  Credits  |  Privacy